Dark Light

Con il sondaggio “The World We Want 2015” aperto a chiunque nel mondo, le Nazioni Unite hanno l’obiettivo di conoscere quali sono i temi che sarà necessario sviluppare nel corso del prossimo anno, a livello globale.

I risultati (al momento su circa 2 milioni di segnalazioni) posso essere filtrati per obiettivo, nazione o HDI (Human Development Index)

Ecco un estratto della classifica a livello globale:

  1. buona istruzione;
  2. migliori cure sanitarie;
  3. un governo onesto e responsabile;
  4. migliori opportunità di lavoro;

un hdi job

Trovo interessante proprio l’ultimo punto, perchè a differenza dei primi tre, è in posizioni diverse a seconda dello sviluppo del paese.

L’Italia rientra nella categoria “Very High HDI” e sebbene il campione dei voti sia abbastanza piccolo (circa 3300) è comunque superiore al migliaio con cui si fanno i sondaggi che riempiono i nostri giornali.

In ogni caso non varia di molto rispetto a Germania o Francia.

Per noi la classifica delle priorità diventa:

  1. buona istruzione;
  2. un governo onesto e responsabile;
  3. accesso ad acqua pulita;
  4. cibo accessibile e nutriente;
  5. migliori cure sanitarie;
  6. protezione di foreste, fiumi e oceani;
  7. libertà da discriminazione e persecuzione;
  8. protezione da crimini e violenza;
  9. uguaglianza fra uomini e donne;
  10. azioni sui cambiamenti climatici;
  11. migliori opportunità di lavoro;
  12. libertà politica;
  13. supporto per persone che non lavorano;
  14. energia rinnovabile in casa;
  15. accesso a telefonia e internet;
  16. migliori strade e sistemi di trasporto;

Io la vedo così: mettendo a posto i primi 3 punti, tutti gli altri vanno a posto più speditamente.un hdi italy

Consulta tutti i dettagli qui: http://data.myworld2015.org/#b06g13f20b14

 

Related Posts

Smart City: le città sensibili secondo Carlo Ratti

In effetti  associare la sensibilità ad una città, mi ha fatto un certo effetto. Sembra un paradosso ma Carlo Ratti spiega bene come in fondo le città sono il risultato dei nostri movimenti. Sono sensibili, “siamo” sensibili.

Ci sembra che ci avvolgano ma siamo noi a plasmarle e con l’aiuto della tecnologia, usata in modo utile, a migliorare la nostra presenza.

La tecnologia è disponibile e guardando il video, anche le idee.Basta fare le domande giuste.

2009 - 2021 - Vito Abrusci - P.IVA: IT10161320964 - Privacy Policy - Termini e Condizioni