Come sottolinea Lencioni, le riunioni sono una delle attività più impopolari e sottovalutate in tutto lo spettro di attività aziendali. Le riunioni efficaci sono rare di questi tempi.

Ci chiede di pensare a quale sia il posto migliore per osservare se un chirurgo, un insegnante o uno sportivo siano bravi nel loro lavoro. La risposta è guardarli durante un intervento chirurgico, durante una lezione dal vivo o in una partita.

Il posto più ovvio per osservare se un leader è bravo nel suo lavoro è … hai indovinato … in una riunione.

Sfortunatamente, ci siamo occupati di pessime riunioni per così tanto tempo che la maggior parte delle persone le accetta semplicemente come un fastidio necessario. O per mantenere il proprio lavoro.

Quando i leader accettano riunioni mediocri, si verificano due sfortunati risultati.

In primo luogo, le decisioni sbagliate. Se le riunioni non sono coinvolgenti e le persone non sono al meglio, è ovvio che le decisioni non saranno ben ponderate. Una riunione mediocre porta ad un risultato non ottimale.

In secondo luogo, se permetti che si verifichino brutte, gestendo male anche il tempo, i tuoi primi riporti faranno lo stesso con i loro. Il modo in cui gestisci le riunioni determina lo standard per l’intera organizzazione.

Domande di riflessione

  • Ti lamenti delle tue riunioni e non vedi l’ora che finiscano una volta iniziate?
  • Consenti al tuo team (e forse a te stesso) di “abbandonare” prima di finire le riunioni?
  • A volte lasci che le persone saltino le riunioni in modo che possano partecipare a lavori “più importanti”?

In tal caso, potresti avere un problema con il tuo motivo di leadership ed avresti due scelte.

Puoi dedicare il tempo e l’energia necessari per garantire che le riunioni siano focalizzate e, quando richiesto, intense.

Oppure, puoi rassegnarti a decisioni sbagliate, livelli bassi di creatività e di risoluzione dei problemi e, in definitiva, prestazioni scadenti.