Dark Light

In questi giorni di grandi cambiamenti intensi, i pensieri si affollano, si aggrovigliano, si mescolano, diventano .

Tenerli a bada è uno sforzo enorme e proprio in una situazione simile, anni fa, lessi di un antico racconto che mi diede un punto diverso notevolmente diverso.
Lo riporto qui di seguito:

Un vecchio indiano Cherokee è seduto di fronte al tramonto con suo nipote, quando d’improvviso il bambino rompe l’incanto di questa contemplazione e rivolge al nonno una domanda molto seria per la sua età.
“Nonno perchè gli uomini combattono?”
Il vecchio con gli occhi rivolti al sole calante, al giorno che stava perdendo la sua battaglia con la notte, parlò con voce calma: “Per ogni uomo c’è sempre una battaglia che aspetta di essere combattuta, da vincere o da perdere. Perchè lo scontro più feroce è quello che avviene fra i due lupi.”
“Quali lupi nonno?” “Quelli che ogni uomo porta dentro di sé”.
Il bambino non riusciva a capire, ma attese che il nonno rompesse l’attimo di silenzio che aveva lasciato cadere fra loro, forse per accendere la sua curiosità. Infine il vecchio, che aveva dentro sé la saggezza del tempo, riprese con tono calmo.
“Ci sono due lupi in ognuno di noi. Uno è cattivo, vive di odio, gelosia, invidia, risentimento, falso orgoglio, bugie, egoismo.”
Il vecchio fece di nuovo una pausa, questa volta per dargli modo di capire quello che aveva appena detto.
“E l’altro?”
“L’altro è il lupo buono. Vive di pace, amore, speranza, generosità, compassione, umiltà e fede”
Il bambino rimase a pensare un istante a quello che il nonno gli aveva appena raccontato. Poi diede voce alla sua curiosità e al suo pensiero.
“E quale lupo vince?”
Il vecchio cherokee si girò a guardarlo e rispose con i suoi occhi puliti.
“Quello che nutri di più”.

Related Posts
Anni Luce: lontani dalla consapevolezza

Anni Luce: lontani dalla consapevolezza

Guardando "Presa Diretta" su Rai3, penso che siamo davvero Anni Luce dalla consapevolezza che altri paesi hanno raggiunto.

Hanno capito che per stare bene, bisogna fare delle scelte, coinvolgere tutti (uomini e donne), e fare in modo che ci siano sanzioni certe per chi fa male.

Per far questo ci vogliono idee e obiettivi ma quanto è semplice andare in Norvegia o in Danimarca a dare un occhiata?

Eppure basta poco a capire che non sono le scelte che ci definiscono ma siamo noi a definirle.

Corto: una vita su Facebook

Si tratta di un bellissimo film (un corto) sulla vita di un uomo, vista solo dal suo profilo Facebook.
Il fatto che sia così realistico, nei contenuti, nelle interazioni e nel modi in cui sono presentati, lo rende estremamente interessante.
La regia è di Max Luere.
Molto bello.
;-)

2009 - 2021 - Vito Abrusci - P.IVA: IT10161320964 - Privacy Policy - Termini e Condizioni